(Art. 5 bis D.P.R. 249/98 come inserito dall’Art. 3 D. P. R. 21 n. 235/2007)
Contestualmente all’iscrizione è richiesta la sottoscrizione da parte dei genitori e degli studenti del Patto educativo di corresponsabilità, finalizzato a definire in maniera dettagliata e condivisa diritti e doveri nel rapporto tra l’IIS “Copernico-Carpeggiani”, studenti e famiglie. Estratto dal Regolamento di Istituto

LO STUDENTE SI IMPEGNA A:

  • prendere coscienza dei propri diritti-doveri rispettando la scuola intesa come insieme di persone, ambienti e attrezzature;
  • rispettare i tempi programmati e concordati con i docenti per il raggiungimento del proprio curricolo, impegnandosi in modo responsabile nell’esecuzione dei compiti richiesti;
  • accettare, rispettare e aiutare gli altri e i diversi da sé, impegnandosi a comprendere le ragioni dei loro comportamenti;
  • frequentare regolarmente le lezioni, rispettando gli orari, e ad assolvere assiduamente agli impegni di studio;
  • avere nei confronti dei compagni, del capo d’istituto, dei docenti e di tutto il personale della scuola lo stesso rispetto, anche formale, che chiede per se stesso;
  • rendere accogliente l’ambiente scolastico e averne cura, collaborando per mantenere i locali puliti e le attrezzature efficienti;
  • segnalare situazioni critiche relative ad eventuali comportamenti devianti;
  • impegnarsi al meglio per crescere nelle conoscenze, arricchire le competenze, valorizzare le abilità e sviluppare nuove capacità.
  • sottoscrivere il "Patto formativo dello Studente" con il quale  aderisce  alle attività di Alternanza Scuola Lavoro in quanto è consapevole che l'attività di A.S.L. è parte integrante del piano dell'offerta formativa e contribuisce al conseguimento delle competenze del PECUP.

LA SCUOLA SI IMPEGNA A:

  • creare un clima sereno e corretto, favorendo lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze, la maturazione dei comportamenti e dei valori, il sostegno nelle diverse abilità, l’accompagnamento nelle situazione di disagio, la lotta ad ogni forma di pregiudizio e di emarginazione;
  • attivare percorsi volti al benessere e alla tutela della salute degli studenti;
  • realizzare i curricoli disciplinari, le scelte progettuali, metodologiche e pedagogiche elaborate nel Piano dell’Offerta Formativa, tutelando il diritto ad apprendere;
  • salvaguardare la sicurezza dello studente attraverso un’adeguata sorveglianza in tutte le fasi dell’attività didattica;
  • educare al rispetto di persone e cose favorendo il benessere nella scuola;
  • attivare azioni ed iniziative volte a garantire le pari opportunità per il raggiungimento del successo scolastico attraverso corsi di recupero e sostegno;
  • procedere alle attività di verifica e di valutazione in modo congruo rispetto ai programmi e ai ritmi di apprendimento;
  • rendere noti tempestivamente i risultati delle verifiche; quelle scritte/grafiche non oltre le due settimane, salvo casi particolari;
  • garantire la massima trasparenza nella valutazione, comunicando in modo chiaro l’esito con un voto in decimi affiancato, eventualmente, a un giudizio;
  • controllare la frequenza alle lezioni e contattare la famiglia in caso di problemi relativi a puntualità e/o comportamento, in modo da poter intervenire insieme al primo insorgere di difficoltà;
  • informare la famiglia relativamente al profitto, oltre che ad aspetti inerenti il comportamento e la condotta, per facilitare in modo sinergico lo sviluppo personale dello studente e per affrontare insieme eventuali problemi;
  • prestare ascolto e attenzione, con assiduità e riservatezza, ai problemi degli studenti, così da favorire l’interazione pedagogica con le famiglie;
  • favorire l’arricchimento del curricolo personale con esperienze di approfondimento, attraverso corsi che consentono l’acquisizione di competenze certificate, stage e attività di alternanza scuola-lavoro;
  • ad attivare percorsi di Alternanza Scuola Lavoro nel secondo biennio e/o nel quinto anno in collaborazione con imprese, enti, associazioni, ecc. del territorio che si impegnano a collaborare con l’Istituto favorendo la realizzazione di stages formativi e agevolando l’orientamento scolastico e professionale;
  • a realizzare progetti di Alternanza Scuola-Lavoro che corrispondano alle effettive esigenze del mondo del lavoro anche nella prospettiva di una formazione continua.

LA FAMIGLIA SI IMPEGNA A:

  • valorizzare l’istituzione scolastica, instaurando un positivo clima di dialogo, nel rispetto delle scelte educative e didattiche condivise, oltre ad un atteggiamento di reciproca collaborazione con i docenti;
  • instaurare un dialogo costruttivo con i docenti, rispettando la loro libertà di insegnamento e la loro competenza valutativa;
  • rispettare l’istituzione scolastica, controllando quotidianamente le comunicazioni provenienti dalla scuola, il libretto personale, gli esiti delle verifiche, le scadenze, le iniziative scolastiche e favorendo
  • un’assidua frequenza dei propri figli alle lezioni, partecipando attivamente agli organismi collegiali previsti;
  • far rispettare l’orario d’ingresso a scuola, limitare le uscite anticipate a casi eccezionali, opportunamente documentate, e giustificare le assenze nell’apposito libretto;
  • informare la scuola in caso di problemi che possono incidere sulla situazione scolastica;
  • segnalare alla scuola eventuali disservizi e/o situazioni critiche che possano ostacolare il benessere in classe o a scuola;
  • rispondere direttamente ed economicamente degli eventuali danni a cose e/o persone causati dal proprio figlio per comportamenti illegali o in violazione dei doveri sanciti dal Regolamento d’Istituto.
  • discutere, presentare e condividere con i propri figli il patto educativo sottoscritto con l’Istituzione scolastica.
  • collaborare fattivamente con i Docenti e con la scuola perché ci sia piena adesione e partecipazione da parte dello studente alla realizzazione dei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro.